Bassa Lega

Garibaldi, Mazzini,Cavour, Vittorio Emanuele II e chi più ne ha più ne metta, simboli del Risorgimento Italiano, della fine della schiavitù da austriaci e spagnoli.Eroi nazionali per tutti.Anzi, quasi tutti.Si, perchè in Italia c’è un partito di nome Lega Nord che fa del sentimento antinazionale la propria esistenza.”Siamo Padani, non Italiani “, questo è quello che ripetono i militani leghisti.E non solo.

C’è da riflettere.La Lega in Italia comanda, lo si vede dalle grandi cose come immigrazione ed economia(Tremonti è un ministro filo-leghista), ma anche dalle sparate giornaliere che mandono esponenti del Carroccio in prima pagina.Gabbie salariali, inni e bandiere insieme al Tricolore, dialetti nelle scuole,mezzi pubblici solo per i milanesi, Moschee da far chiudere.Tutto griffato lega.Tutto assurdo.

Per molti queste sono semplici provocazioni “agostane”, ma dietro tutto questo c’è un progetto preciso, quello di far ritornare l’Italia  dei Comuni,quella del Medioevo. Più di Cinquecento anni fa.L’idea delle “Piccolo Patrie” è molto meno forte e possibile rispetto alla Secessione e alla Repubblica Federale Padana.Bossi sa che la secessione è quasi impossibile e , almeno ora,  cerca via alternative, tra la semplice boutade estiva leghista e l’innocua e complementare proposta indentitaria.

Dopo aver proclamato la nascita della Padania nel 1997 e del Parlamento Padano, il “Senatùr” scatenò un polverone investigativo su tutto il suo movimento. Famosa la perquisizione in via Bellerio, nella sede della Lega, dove rimasero feriti Bossi, Borghezio e Maroni.Meglio il Polo,Berlusconi, e il federalismo.Per il resto c’è tempo.

Per il federalismo la Lega è scesa a patti con il diavolo:”il Mafioso di Arcore  ” e “i Fascisti ” di An, tutti insieme bossi[1].jpgappassionatamente.Verso la Libertà.Nemici e ora amici, la lega è anche questa, un partito sulla scena politica da oltre 25 anni(il più vecchio attualmente)che vuol essere di lotta e di governo.Di governo con Maroni ministro  dell’Interno di ferro, e di lotta con le sparate dei vari Cota,Bricolo,Salvini,Gentilini e Borghezio.

Oltre al sentimento anti-italiano, la Lega e i suoi politici preoccupano per il loro odio xenofobo e razzista.Fino alla metà degli anni novanta il “risentimento” verde si riversava soprattutto sui “terroni”, ma da ormai un pò di tempo la lega ha cambiato bersaglio.Ora gli immigrati sono la causa di tutti i mali della Padania, e vanno respinti.Anzi abbattuti.I pensieri leghisti sono di questa portata in merito all’argomento:

” Dare il voto agli extracomunitari, non mi sembra il caso, un paese civile non può fare votare dei bingo-bongo che fino a qualche anno fa stavano ancora sugli alberi, dai” Roberto Calderoli

“Gli immigrati che annegano inquinano le acque di Lampedusa” Mario Borghezio

Da Italiano e persona di Destra non amo i Leghisti.L’Italia è il bene supremo di ogni cittadino, il tricolore è il vessilo del nostro popolo, di ogni persona che risiede nei Sacri confini nazionali.Quelli difesi nel 1917 dopo la disfatta di Caporetto da Campani,Sardi,Pugliesi,Lombardi,Laziali,Calabresi ,Toscani,Veneti e da tutto il popolo.Il popolo Italiano che esce vittorioso.Il popolo italiano Unito, sotto il Tricolore.

Viva l’Italia, viva il Tricolore!!!!

 

 

Bassa Legaultima modifica: 2009-08-24T01:03:00+02:00da rafabenitez89
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Bassa Lega

  1. In realtà la Lega propone – sull’immigrazione e la difesa delle identità locali – istanze anche condivisibili. Quello che però non sopporto – in certi esponenti leghisti – è una certa crassa (e ostentata) ignoranza: l’Islam (anche in Italia) fu portatore di una raffinata civiltà (che affascinò anche Federico II) e non si può impostare il problema dei rapporti con il mondo musulmano invitando a far urinare i maiali sui terreni delle erigende moschee; il Meridione italiano è una terra antica, che conobbe la civiltà magnogreca quando in Padania scorrazzavano solo barbarici clan di Celti. Gli stessi miti storici leghisti trasudano contraddizione, visto che il Carroccio dei Lombardi ispirò la tanto odiata (dai leghisti) tradizione patriottica risorgimentale (e poi, a Legnano, avrei “tifato” piuttosto Barbarossa: vero erede della tradizione imperiale romana che, nei confronti di Milano, aveva ragioni da vendere). Certo è però che a un milanese – stretto tra berlusconismo e cattosinistrismo – la tentazione di votare Bossi alle elezioni viene eccome

  2. Letto da me, avrei aggiunto che tutto ‘sto lavorio di Bossi serve solo ad essere diventati la DC del Nord: la Lega è questo, un partito CLIENTELARE, che vive sui voti di scambio in ogni paesotto del Nord, esattamente come fecero i democristiani quiggi… Visualizza altroù. Loro questa cosa non la fanno sapere a nessuno, devono mantenere un’immagine “guerrigliera” e “anti-“, e invece sono IL REGIME DEL REGIME. Chiunque viva al nord lo sa, e allora o è colluso o vota altro.
    Secessione, razzismo, medievalismo, addirittura radici celtiche, tutte menate per nascondere il malaffare… e farci cascare qualche sprovveduto, magari.
    Detto da una persona che ama prima i popoli, poi le nazioni, come conseguenza. E che quindi vuole favorire l’autodeterminazione dei popoli, figuriamoci.
    L’ho sempre detto: vogliamo fare l’Italia? Contiamoci, io ci sto… anche da sinistra, perché no? Anzi, anche E SOPRATTUTTO da sinistra, perché l’Italia ci conviene a tutti, almeno noi che stiamo al di qua del Po.
    Ci converrebbe ancora di più un’Europa giusta e meno gerarchica, se è per questo, ma Maastricht non m’è mai piaciuto…
    Non voglio gli Stati Uniti d’Europa per cancellare le nazionalità, FIGURIAMOCI… io STO con le nazioni, sto coi popoli soprattutto, non certo con nazioni-fantoccio come la Jugoslavia o la Cecoslovacchia, io VOGLIO un’Europa di POPOLI DIVERSI. Ma uniti per darsi una mano, quando ci sono aree che sono destinate solo al pascolo, e che non vivrebbero senza cooperazione e libero scambio.
    Ma sto addentrandomi in discorsi tipicamente liberalsocialisti, lo farò altrove, adesso mi preme denunciare IL REGIME LEGHISTA.

Lascia un commento